JARED LETO: MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA 2014

Jared-Leto

Unknown

Non vi capita, a volte, di guardare un film ed essere sbalorditi dall’attore non protagonista. La sua capacità, di rendere assolutamente unico il personaggio che deve interpretare, è così potente da galvanizzare l’attenzione dello spettatore e farlo innamorare.

Addirittura egli diventa un tutt’uno con l’attore protagonista la cui bravura  viene ancor più enfatizzata. Le loro straordinarie interpretazioni si prendono per mano, rendendo il film profondo e ricco di sfumature.

images-4matthew-mcconaughey-weight-loss

Ecco mi  riferisco alle memorabili interpretazioni dei due protagonisti Matthew McConaughey e Jared Leto nel film Dallas Buyers Club di Jean-Marc Vallée ripetitivamente nei ruoli di Ron Woodroof e Rayon. Guardate quanti chili hanno perso per impersonare al meglio i loro personaggi.

220px-Jared_Leto_-_66ème_Festival_de_Venise

Jared Leto non è la prima volta che si fa notare per la sua bellezza, per la sua versatilità come attore non protagonista e protagonista e per la sua bravura nella recitazione, ecco qualche suo film: La sottile linea rossa, Ragazze interrotte, Urban LegendRequiem for a Dream. Collaborò con il regista David Fincher in Fight Club e Panic Room. American PsychoLord of WarLonely HeartsChapter 27 e Mr. Nobody

Oltre alla sua carriera cinematografica, Leto è il cantante dei 30 Seconds to Mars e ha inoltre diretto diversi video musicali candidati agli MTV Video Music Awards, e il documentario Artifact, premiato al Toronto International Film Festival del 2012. Nel 2013, con il gruppo, ha inciso il suo quarto album Love, Lust, Faith and Dreams.

Nel 2013, per l’interpretazione nel film Dallas Buyers Club, Leto riceve il Golden Globe come miglior attore non protagonista e ottiene candidature per altri importanti premi come il Satellite Award e l’Independent Spirit Award. Successivamente ottiene la sua prima nomination per il Premio Oscar.

Unknown-1

Il film è tratto dalla storia vera di Ron Woodroof , un rude, molto rude elettricista e cowboy da rodeo che conduce una vita triste, sregolata fatta solo di pessime abitudini come alcol e droghe, che abbattono le difese immunitarie, e di promiscuità sessuale senza protezioni. Il mucho del sud scopre così di essere sieropositivo senza essere omosessuale e con una prognosi che lo condanna a 30 giorni di vita.

Qui siamo nel 1985 e in Texas dove se ti ammali di AIDS sei condannato due volte; a morte, dalla malattia, e all’emarginazione, dalla comunità, come se portassi un marchio d’infamia.  Da questo momento, l’uomo ha modo di conoscere per gradi la cruda verità: che i vertici ospedalieri e persino quelli sanitari governativi sono totalmente ignoranti con l’Aids e indifferenti ai malati e che le aziende farmaceutiche hanno forti patti di convenienza con la Food and Drug Administration statale, e dunque ottengono l’esclusiva per promuovere farmaci altamente tossici e peggiorativi a scapito di altri prodotti – come il Peptide T, le vitamine e lo zinco – che possono aumentare le difese e prolungare la vita degli individui affetti.

Inizia così la battaglia di Ron contro la FDA ma anche la liberazione dalla parte peggiore di se stesso fatta di pregiudizi, omofobia e menefreghismo. Il nuovo Ron scoprirà l’amore, l’amicizia, il rispetto nonché la dedizione per se stesso e rivolta verso, con e per gli altri.

Lo aiuterà Rayon un giovane transessuale conosciuto in corsia anche lui malato di AIDS e condivideranno il dramma, un attaccamento spassionato alla vita. Ron imparerà ad ascoltare e a non giudicare più le persone perché omosessuali o transessuali.

images-1In particolare vorrei soffermarmi su come Jared Leto abbia dato vita ad un meraviglioso personaggio come Rayon: una persona piena di amore, dolcezza, pazienza, tolleranza e generosità.
Ecco le parole più belle dell’attore: “Ho provato un grande amore per questo personaggio e per la performance. Ho capito che Rayon era un uomo che voleva vivere da donna, era una persona che si identificava totalmente con un genere diverso dal suo. Il mio personaggio mi ha insegnato l’importanza di lottare nelle cose in cui si crede, nel perseverare sempre. Ha un grande desiderio di vivere la sua vita, di essere amata e di amarla. Rayon è un uomo che voleva vivere la sua vita da donna, non è una drag queen. Quindi ho iniziato dal principio: ascoltare è stata la prima cosa che ho fatto. Ho incontrato persone transgender, che hanno condiviso con me la loro vita e mi hanno dato lezioni preziose. Anche grazie a loro ho poi intrapreso un viaggio per scoprire il mio lato femminile, non quello che veniva fuori solo perché portavo i tacchi. La parte interiore del viaggio è la più importante: si attraversa la storia sperando che tocchi una corda in se stessi che venga in aiuto nel comunicare il personaggio; la creazione di una vita interiore per questa persona veramente unica”.
Se per lui è stato Amore a prima lettura, per me Rayon è stato Amore a prima vista !
Ron e Rayon fonderanno insieme un “buyers club” ovvero un ufficio acquisti dove i sieropositivi potevano acquistare questi farmaci, meno invasivi anche se non approvati dallo Stato. 
images-2Con loro, ci sarà anche la dottoressa Eve (una bellissima Jennifer Garner), combattuta tra il suo rispetto per le istituzioni e la voglia di fare la cosa più giusta curare i malati. Vincerà la salute dei suoi pazienti.
“Dallas Buyers Club” è un film intenso, emozionante, commuovente che parla di  sofferenza, dolore, morte ma anche di verità, di libertà, di diritti. Una battaglia per il diritto alla vita. Una storia raccontata in maniera molto sobria, senza vittimismo ne polemiche. 
Una storia raccontata in maniera molto sobria, senza vittimismo ne polemiche. 
Ron si batterà per la dignità, l’informazione e l’accettazione. E morirà ben sette anni dopo una diagnosi di terminalità fissata a circa un mese di vita.
Dallas Buyers Club è il film dell’anno ? Mah! Si scontra con altre stupende pellicole come 12 Anni Schiavo, Nebraska e The Wolf of Wall Street.
Matthew McConaughy vincerà l’Oscar come miglior Attore Protagonista? Se lo merita tutto ma questa volta, dai, lo merita più Leonardo Di Caprio.
Jared Leto però è assolutamente il vincitore della statuetta come miglior Attore Non Protagonista!!!!
Unknown
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...