NOI SIAMO INFINITO

Noi-siamo-infinito-cover-locandina_xlg

Sam: “Perché io e quelli che amo scegliamo persone che ci trattano come fossimo nulla?”
Charlie: “Accettiamo l’amore che pensiamo di meritarci!”

perks

Stephen Chbosky porta sullo schermo una storia, tratta dal best seller Ragazzo da parete, di una bellezza straordinaria. Un commovente e moderno modo di raccontare con naturalezza ed incredibile onestà il mondo degli adolescenti: l’amore, la perdita, la paura, la speranza e l’importanza di avere al proprio fianco, nel corso della vita, degli amici.

Cast a dir poco perfetto di giovani attori come Logan Lerman, il suo Charlie è molto dolce, misurato, taciturno ma che tocca il cuore – Emma Watson, la streghetta Ermione di Harry Potter diventa grande e con Sam interpreta una ragazza matura, affascinante, ma facile alle delusioni, alle illusioni – ed Ezra Miller, il suo Patrick è stupendo in tutti i sensi, di grande impatto, divertentissimo…il mio preferito. Il trio dimostra potenza e sincronia tali da stupire ed è impossibile non innamorarsi della storia. 

Charlie, il protagonista, scrive lettere a un ipotetico “amico” a cui descrive sé stesso e la sua vita: al primo anno delle superiori, è un ragazzo solitario e schivo (a questo si riferisce al titolo, Charlie passa inosservato come fosse tappezzeria) fino al giorno in cui conosce i fratellastri Patrick e Sam (di cui Charlie subito s’invaghisce e dopo s’innamora profondamente ), due ragazzi dell’ultimo anno che lo “adottano”… 

Untitled-1

Patrick: “Ehy! Tutti quanti.. alziamo i bicchieri per Charlie”
Charlie: “Cosa ho fatto?”
Patrick: “Nulla. Vogliamo solo fare un brindisi al nostro nuovo amico. Vedi cose e le comprendi. Fai da tappezzeria. Cosa c’è? Qualcosa non va?”
Charlie: “Non pensavo che qualcuno mi notasse”
Patrick: “Noi non pensavamo che potesse esserci qualcun altro in gamba come me. Quindi tutti insieme. A Charlie!”
Tutti: “A Charlie!”
Sam: “Benvenuto sull’isola dei giocattoli abbandonati”

Charlie ha un passato difficile, che si scoprirà lentamente. Solo l’aiuto dei suoi nuovi amici — anch’essi con un passato/presente non semplice — lo aiuterà forse a superare la fase più triste e complicata della sua vita.

images-1
The Perks of Being a Wallflower, che letteralmente significa “Il lato positivo dell’essere timido”, mi ha coinvolto fin da subito: è un film strano, romantico, profondo e immensamente vero…colpisce e stupisce continuamente. È ambientato nel 1991 e perciò pieno di fascino, di ricordi e simboli parte della mia adolescenza, del periodo della scuola. Bellissima la preparazione delle cassette musicali da condividere con gli amici o da regalare. Che lavoraccio con i tasti REC, REW, PLAY, FF, STOP /EJECT, PAUSE. E quando il nastro della cassetta si inceppava? E lo spazio da lasciare tra una traccia e l’altra? E cambia lato che poi era diventato automatico.
E tutti titoli delle canzoni da scrivere con la biro sul fronte cartaceo da inserire nel porta cassetta.
Non mancano citazioni cult cinematografiche come “The Rocky Horror Picture Show“, letterarie e musicali come la straordinaria colonna sonora ( the smiths, new order, david bowie) che regala alcune scene mozzafiato come la corsa in macchina all’interno del tunnel con Heros di David Bowie a tutto volume.
noisiamoinfinitoemmawatsonperksofbeingawallflower

“In questo momento, siamo vivi. E, ve lo giuro, in questo momento noi siamo infinito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...