CARO NOÈ: IL MIGLIORE AMICO DEL MIO PAPÀ

Mercoledì 29 Agosto 2012 te ne sei andato improvvisamente.

Quanto dolore e tristezza per la tua meravigliosa famiglia e per tutti coloro che ti hanno voluto tanto bene.

Sei stato un uomo molto buono, generoso che ha amato ed è stato immensamente amato.

Te ne sei andato e basta con lo stesso garbo che ti ha sempre contraddistinto. Un po’ presto, sì era un po’ troppo presto ma nulla si può fare quando il cuore dice “basta non ne posso più”.

Io non ci sarò fisicamente questo tardo pomeriggio, perché dopo la morte del papà non sono più riuscita ad andare ai funerali, ma ci sarò con il cuore che è molto più importante e questo è il mio pensiero per te, il mio ricordo di te, come ultimo saluto.

Tu eri il grande amico del mio papà e dico grande perché è la verità. 

Mio padre, una persona meravigliosa, ha avuto la sfortuna di essere circondato da personaggi allucinanti che l’hanno sempre sfruttato, tradito e poi dimenticato. Pochissimi erano i suoi veri amici sia prima che dopo la sua tragica scomparsa. Tu eri uno di loro. Sì io posso dirlo e ad alta voce. Sei sempre venuto a trovarlo. Mi ricordo la prima volta…stavo spalando la neve, c’era una montagna di neve sopra la tomba e tu mi hai preso la pala e senza dire niente mi hai dato una mano. Altre volte ti ho semplicemente trovato lì oppure sapevo che eri passato a trovare papà. Ti mancava il tuo amico?!  Sicuramente anche tu a lui.

La vostra amicizia, come tutte le grandi e lunghissime amicizie, ha attraversato varie peripezie, stati d’animo, alti e bassi ma tu hai trovato il modo per chiarire con lui, per comunque essergli vicino e così facendo l’entusiasmo, l’affetto e il ricordo sono durati per sempre.

Io non ho potuto condividere con voi tutti i vostri momenti ma dai racconti in famiglia ce ne sono stati tanti, tanti. Io in particolare ho un momento indelebile nella mia memoria: in montagna – mia sorella era piccolissima – noi che in salotto giocavamo a monopoli …tu, Nicoletta, Felice, Lorenzo, il papà, la mamma ed io. Ricordo le risate, la spensieratezza, la bellezza dello stare insieme. Tu eri e sei sempre stato simpaticissimo. Che belli voi genitori e che belli noi bambini. Un’altra volta mi ricordo a Portofino che mi volevi portare a pescare con la mosca. Avete e abbiamo condiviso gioie e dolori, la vita vi e ci ha allontanato ma l’affetto è rimasto sempre lo stesso. Ogni volta che rivedo e riabbraccio Felice o Lorenzo, entrambi al matrimonio di Gaia e Matteo, riprovo le stesse emozioni di allora, non importa se non siamo migliori amici e non ci sentiamo tutti i giorni.

Caro Noè io adesso ti saluto con una canzone apposta per te Emozioni cantata da Fred Bongusto, non ti dimenticherò, ti verrò a trovare e lo sai che mancherai immensamente alla tua famiglia, ma sono più che certa che ci sarai, starai loro più vicino che mai anche se non possono vederti, come il papà fa con noi. Già m’immagino l’abbraccio che tu e il papà vi sarete già dati. Abbraccialo anche per me, ogni giorno. Avrai rivisto il tuo amico dopo tanto tempo e ora siete di nuovo insieme a ridere e scherzare. Non fate guai! Questo è l’unico piccolo conforto che ho e condividerò insieme ai tanti ricordi con Nicoletta, Felice e Lorenzo appena il dolore si attenuerà un po’. Per ora mi stringo a loro in un immenso abbraccio.

CIAO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...