STORIE DI PROFUMI: CALÈCHE, IL MIO PROFUMO

Calèche è stato presentato da Hermès nel 1961, deve il suo nome all’emblema della maison francese, e per molti anni è stato il loro best-seller come fragranza femminile. È stato creato dal raffinatissimo naso di Guy Robert…

bergamotto, mandarino, fiori d’arancio, aldeidi, gelsomino, mughetto, rosa, gardenia, iris, ylang-ylang, muschio di quercia, legno di sandalo, cedro e vetiver.

Per me è molto di più… è il mio profumo.

Tutto è iniziato nel 1989, avevo tredici anni ed ero in una nota profumeria milanese. Me lo ricordo come fosse ieri. Ero in attesa della commessa, in giro alla ricerca dei prodotti che le avevo richiesto, quando improvvisamente sono stata travolta e inebriata da un’essenza. Ne avevo sentite tante, ma questa era sublime, particolare, dovevo trovarla, doveva essere mia. Ho iniziato ad inseguire la scia di profumo per tutto il negozio. Sembravo stregata, quando ho incominciato a spaventare le altre persone, ho deciso di chiedere alla mia fedelissima commessa. “Ecco la sente, di quale profumo si tratta…?” le chiesi. E lei mi rispose: “Cara, questo è Calèche, un profumo buonissimo, è di Hermès ed è molto speciale, non proprio da ragazzina”.

Provai quella straordinaria essenza cipriata sulla mia pelle che reagì in maniera incredibile, da quel momento decisi che io avrei profumato sempre così. 

È stato AMORE alla prima annusata…!

L’odore di una persona è per me importantissimo, è già da lì che capisci se inizia il feeling o meno, che sia un’amicizia o un amore, e il profumo personalizza, rende ammalianti… tutto ciò che indosserai e poi annuserai saprà di te.  
Ci sono persone che amano cambiare e provare diverse fragranze. In base all’umore, perché dopo un po’ si stufano o proprio perché hanno bisogno di cambiare…colore, taglio di capelli e profumo.
Io no, il mio profumo è parte di me, un gesto della mia quotidianità che non farei mai a meno.
Calèche ed io siamo uguali: iniziamo un po’ duri, ma in pochi minuti ci ammorbidiamo grazie al bergamotto e ai fiori d’arancio.
Man mano che l’uno è parte dell’altra si avvertono le note del legno di  sandalo e diventiamo eleganti e sofisticati, ma in modo molto tranquillo, discreto, senza stancare mai.
Siamo inseparabili da già 23 anni e non ho mai più provato altri profumi, quando le signorine tentano di innaffiarmi le fermo e mi allontano immediatamente. Mi limito – solo per curiosità – ad annusarli solo sulle fettuccine di carta. A volte sono buonissimi e quando trovo quelli che mi piacciono davvero tanto, li regalo.
Adoro quando ritrovo gli amici che magari non vedo da un po’ e mi dicono: “Ho sentito il tuo profumo e mi sono ricordato di te”. Oppure ” Sono passati tanti anni, ma tu usi sempre lo stesso profumo”. “Quel profumo sei tu”.

La Soie de Parfum è la mia preferita ed è stata presentata nel 1992: si tratta di una versione più giovane. Le note floreali e quelle legnose sono più esaltate e ravvivate.  

Mi sento sempre molto femminile e sensuale con un pizzico di streghetta.

Uno dei miei ricordi più belli…? Mio padre, quando mi regalava Calèche e la sua affermazione: “Ma con tutti i profumi che ci sono al mondo, dovevi innamorarti proprio di questo…?”

Un tempo era molto più difficile trovarlo in profumeria, perciò bisognava andare in boutique per comprarlo e lui lavorava per un’azienda concorrente di Hermès.

Mi chiedevo, qual è il vostro profumo preferito…?

Vi piace cambiarlo o avete sempre lo stesso…?

Una storia da raccontare…

Annunci

4 comments

  1. che bello rileggerti, e’ da tanto che non scrivi piu’ parlando di te stessa,
    si mi piaccione le tue scelte di musica, ma mi piace molte leggerti.
    un abbraccio
    FG.

    1. Cara Franca,
      un blog è come un diario in cui ogni giorno esprimi le tue emozioni e le tue esperienze. Io vorrei comunicare cose da dire che sento davvero, che siano piacevoli da leggere. Non scriverei mai tanto per fare e parlare di me non sarebbe più interessante.
      Ho avuto l’anno più terribile della mia vita e, dopo tante prove difficili che ho dovuto superare, mai avrei creduto di viverlo, ne di meritarlo ma è successo. Si, si proprio a me.
      La mia vita è di nuovo una nuova vita: cuore, cervello, lavoro, abitudini. Un nuovo inizio, tutto ricomincia da capo, anche se i ricordi e i colpi di coda sono sempre in agguato, ma è l’amore che conta non sono i numeri, ne i limiti.
      Comunque la mia musica e la mia arte parlano di me, le scelgo con cura tutte le volte.
      Un abbraccio forte

      1. Sei giovane, molto giovane anche se non ti sembra ora e hai tutta la vita davanti ……
        Quello che ora ti sembra un gran dolore un giorno voltandoti ti renderai conto che te ne ha evitato altri.
        L’amore arrivera’ e piu’ forte di prima e quanto hai imparato da questa triste storia ti servira’ per costruire una felicita’ futura solida e matura.
        Tu meriti tanto per i dolori che porti dentro e vedrai che la gioia arrivera’ anche per te, anche perche’ non ti mancano certo le premesse per farla arrivare e durare.
        Un bacio alla mia piccola grande donna e a chi ti sta intorno. FG.
        FG:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...